mercoledì 3 settembre 2014

La firma di Firmino

Dopo il 4 a 2 contro l’Hertha Berlino di sabato pomeriggio il bilancio del Leverkusen, sotto la gestione del nuovo tecnico Roger Schmidt (47), è ancora senza macchie. In Bundesliga è al primo posto, in Champions League e nella Pokal (Coppa di Germania) ha superato il turno. Nelle cinque partite vinte ha realizzato ben 19 goal
Dopo la partita il tecnico ha tessuto le lodi dei suoi uomini per l’impegno e la voglia dimostrata nella seconda parte di gioco. La giornata per il Bayer era partita con il piede sbagliato a causa dell’autogol del diciotenne croato Jedvaj, giocatore in prestito dalla Roma. Lo stesso croato trovava il gol del pareggio poco prima dell’ennesimo vantaggio di Schieber, al suo terzo gol in questo inizio di Bundesliga. A questo punto la reazione dei padroni di casa è stata impressionante e prima Spahić, poi Brandt e infine uno scatenato Bellarabi hanno chiuso il match a favore del Bayer Leverkusen contro un Hertha già ad inizio partita decimato dagli infortuni.
Sempre sabato pareggio per 1 a 1 tra i padroni di casa del Werder Brema e l’Hoffenheim, che era passato in vantaggio con un no-look gol del suo campione Roberto Firmino. Al 19′ Rudy fa un lancio pennellato di oltre 30 metri sul quale si fionda Firmino che aggancia il pallone in maniera divina, dribbla il portiere Wolf in uscita e calcia il pallone in porta girando la testa nella direzione opposta. Dopo il gol nasconde il pallone sotto la maglia ciucciandosi il pollice per festeggiare il fatto che a dicembre diventerà padre visto che la sua fidanzata Larissa è in attesa di una bambina. Al 59′ di una bella partita ha trovato il pareggio il Werder grazie a un preciso tiro di Gálvez.
Altro pareggio a Wolfsburg per 2 a 2 tra i padroni di casa e il Francoforte. In questa partita molto equilibrata da segnalare la papera del portiere del Frankfurt Trapp sul primo gol, su calcio piazzato, del brasiliano Naldo e il grave infortunio al legamento crociato per Nelson Valdez (Eintracht Frankfurt).
Facendo un salto all’indietro fino a venerdì sera da segnalare il successo per 2 a 3 del Dortmund in casa dell’Augsburg. I gialloneri ritrovano un Marco Reus in formissima e si regalano per il prosieguo di stagione per 8 milioni di euro, versati nelle casse del Manchester United, le prestazioni di Shinji Kagawa, il quale, tra i 2010 e il 2012, segnò per il Dortmund 21 reti in 49 partite.
Debutto immediato nelle file del Bayern in casa dello Schalke per il neoacquisto Xabi Alonso. Il Bayern va in vantaggio nei primissimi minuti conLewandowski, ma nella ripresa la pressione della squadra di Gelsenkirchen si fa sentire e al 62′ Höwedes realizza, dopo una caotica azione in area di rigore, il gol del definitivo pareggio.
L’Amburgo si fa umiliare in casa dalla neopromossa Paderborn. Il 3 a 0 finale per gli ospiti non lascia scampo a equivoci così come non ne lascia la vittoria dell’altra neopromossa Colonia per 2 a 0 in casa dello Stoccarda. Amburgo e Stoccarda dovranno anche quest’anno sudare le cosiddette sette camicie per rimanere nella massima serie.
Un Hannover gagliardo non va oltre il pareggio per 0 a 0 in casa del Mainz. Se fosse stato un incontro di pugilato la vittoria ai punti sarebbe andata agli ospiti che hanno avuto almeno 3 chiare occasioni da gol non sfruttate nel migliore dei modi.

Zero a zero tra i fischi anche l’incontro tra il Friburgo, che ha sprecato un calcio di rigore, e il Gladbach. Entrambe le squadre dovranno darsi molto da fare se vorranno raggiungere i rispettivi obiettivi, una tranquilla salvezza per i padroni di casa e un posto in Champions League per gli ospiti.